Paesi Emergenti 13-18 Luglio

Paesi Emergenti

L’ASEAN al centro dell’interesse del mercato internazionale:

Negli ultimi anni, l’ASEAN è diventata il nuovo fulcro degli investimenti stranieri. Nel 2014, gli Stati membri dell’ASEAN hanno prodotto un PIL complessivo pari a 2.300 miliardi dollari. Ogni nazione ASEAN, tuttavia, presentano propri vantaggi e e opportunità per gli investimenti esteri in base ai diversi settori industriali.

Enel-Cile: accordo per oltre 3,5 miliardi di dollari: 

Enel Green Power, attraverso la controllata Enel Green Power Chile, ed Endesa Chile hanno stipulato un contratto a lungo termine per la fornitura di energia e la vendita di certificati verdi in Cile della durata di circa 25 anni, per il progetto geotermico e il progetto fotovoltaico e di circa 20 anni, per il progetto eolico.

Kazakistan-India: nuovi accordi economici in vista

Il 7 luglio scorso, ad Astana, si è tenuto il forum kazako-indiano di affari, presieduto dal Premier indiano Modi e dal Premier kazako Karim Massimov. Il forum si è tenuto in occasione della visita ufficiale di Modi in Kazakistan. Più di 100 persone, tra cui l’Ambasciatore dell’India presso il Kazakistan, Harsh Kumar Jain, i rappresentanti delle maggiori aziende indiane e kazake, oltre alle PMI e ai rappresentanti di enti statali. Durante il forum, gli esponenti kazaki hanno presentato le opportunità di investimento esistenti nel Paese e hanno informato i partecipanti del forum circa le misure di sostegno che il Governo prevede per gli investitori stranieri.

Gli scenari dei rapporti fra Grecia e Cina alla luce dello storico OXI:

All’indomani del No votato dai cittadini Greci e la conseguente uscita dall’Europa, la Cina osserva con attenzione l’evolversi della situazione alla luce degli accordi stretti tra Pechino e Atene nel marzo scorso. Infatti i maggiori interessi della Cina riguardano il porto del Pireo, ma l’intenzione di Pechino è quella di massimizzare la situazione di difficoltà in cui versa Atene. E, dunque, la Cina guarda anche al mercato delle telecomunicazioni e a quello infrastrutturale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 5 =