Nagorno-Karabakh, la propaganda dei numeri

Nagorno-Karabakh

Le notizie finora trapelate non fanno comprendere a pieno i reali effetti degli scontri degli ultimi giorni. Le immagini che sono state trasmesse offrono un breve scorcio degli avvenimenti che si sono succeduti in Nagorno-Karabakh, senza tracciare i necessari chiari contorni per inquadrare la vicenda.

I nostri articoli sul Nagorno-Karabakh:

BREAKING NEWS – Nagorno-Karabakh, escalation di violenza

Nagorno-Karabakh, un aggiornamento sulla situazione

Nagorno-Karabakh, salgono i morti

Emerge quindi una guerra di numeri tra le autorità armene ed azere, che in questi momenti alternano i colpi di artiglieria con quelli della propaganda. Questo inficia soprattutto l’Armenia, riconosciuta certamente come uno stato più democratico nei riguardi dell’Azerbaijan, retto fin dalla sua indipendenza dalla famiglia Aliyev.

L’infografica che abbiamo preparato mette a stretto contatto le versioni di Yerevan e Baku, mostrando come le versioni siano quasi esattamente speculari tra i due governi.

Nagorno-Karabakh

Infografica di Antonio Lamanna

Il computo reale delle vittime dovrebbe aggirarsi sulle 32, tra le quali due sono civili. Un numero comunque alto, il più elevato dalla firma della tregua nel 1994. Il conflitto, definito spesso “congelato”, ha visto nel suo trascorso un numero elevato di incidenti tra le forze armene ed azere, ma mai si era registrato un numero così alto di vittime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + sette =