Nagorno-Karabakh: l’analista di Alpha Francesco Trupia a Stepanakert

Il ricercatore di Alpha Institute, Francesco Trupia (residente attualmente a Yerevan, in Armenia)  si trova al momento a Stepanakert, capitale della de facto Repubblica del Nagorno-Karabakh (NKR) per riportare il continuo e instabile scenario che affligge la regione indipendentista armena dopo l’escalation di inizio aprile.  Nel suo viaggio in Nagorno-Karabakh, Trupia ha incontrato Artak Beglaryan, segretario del Primo Ministro della Repubblica del Nagorno-Karabakh (NKR) con il quale ha potuto discutere a riguardo della situazione militare e politica, e una delegazione di soldati e veterani dell’unione dell’ Esercito dell’Artsakh libero.  Le violenze scatenatesi in Nagorno-Karabakh sono state le più violente dal cessate il fuoco firmato nel 1993 e hanno causato numerose vittime da entrambi gli schieramenti. L’utilizzo di armamenti pesanti e mezzi militari ha lasciato presupporre un aumento dell’escalation di violenza, attualmente congelata

A questi link potete trovare alcuni nostri articoli di news che hanno coperto lo scoppio della crisi in Nagorno-Karabakh, a cura della Redazione di Geopolitical Review, e dell’analisi realizzata da Francesco Trupia e Denise Serangelo per Alpha Institute of Geopolitcs and Intelligence.

Di seguito i precedenti articoli sul Nagorno-Karabakh a cura di Geopolitical Review e Alpha Institute of Geopolitcs and Intelligence

 

BREAKING NEWS – Nagorno-Karabakh, escalation di violenza

Nagorno-Karabakh, un aggiornamento sulla situazione

Nagorno-Karabakh, salgono i morti

Nagorno-Karabakh, la propaganda dei numeri

Nagorno-Karabakh: nessuna tregua, continuano gli scontri

Nagorno-Karabakh, continua la propaganda

Nagorno-Karabakh, ritornano i foreign fighters dalla Siria?

Yerevan. Raccolta fondi dopo il cessate il fuoco

Esplosione di un autobus a Yerevan: la nascita del terrorismo in Armenia?

4-Days War. La Conferenza a Yeravan

Nagorno-Karabakh: suonano le armi tra i venti di tregua

Nei prossimi giorni verrà redatta un’analisi sui possibili scenari futuri della regione contesa tra Armenia e Azerbaijan nel sud del Caucaso.

Di seguito vi proponiamo alcune foto scattate da Francesco Trupia:

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × uno =