Armenia, Nagorno-Karabakh: arrestato lo storico veterano Jirair Sefilian

Jirair Sefilian
Nella tarda serata di eri le forze di polizia armene hanno arrestato Jirair Sefilian, attivista e leader dell’attuale opposizione armena nonché storico veterano della Guerra del 1994 nel Nagorno-Karabakh.
L’arresto, avvenuto all’interno dell’ufficio di Sefilian, ha coinvolto altre sei persone molto vicine al Tenente Colonnello di origini armeno-libanesi. L’accusa rimane al momento quella di traffico e possesso illegale di armi, apparentemente confermata dal ritrovamento di due fucili di vecchia produzione sovietica AK-74.
Oltre all’attività di opposizione politica, la figura di Sefilian è ritornata al centro del dibattito politico subito dopo l’escalation dello scorso 2 Aprile nel Nagorno-Karabakh. Dopo gli avvenimento di Talish nei “Four-Days War”, villaggio a nord-est della regione della de facto Repubblica armena, i possibili crimini di guerra condotti da parte delle forze azere contro la popolazione civile avevano spinto proprio Sefilian a evidenziare l’incompetenza del governo di Yerevan, reo di non aver fatto chiarezza sulle aree perse della regione occupata.
Nei giorni successivi al cessate il fuoco del 5 Aprile, infatti, sempre Sefilian aveva dichiarato di essere pronto, insieme al suo storico “Battaglione Shoushi”, di intervenire nella zona di Talish e riprendersi militarmente le zone apparentemente perse.  
Attualmente, indagini e interrogazioni sono in corso. L’opinione pubblica, invece, appare già essersi divisa: coloro i quali sostengono Sefilian accusano il governo armeno di nascondere le verità sull’escalation del 2 Aprile nel NK, mentre gli anti-Sefilian accusano lo stesso veterano di voler sfruttare l’ultima escalation di violenza e la sua immagine per tornaconti elettorali. Nel 2017 infatti, il popolo armeno verrà chiamato al voto per le elezioni presidenziali dopo una dibattutissima riforma elettorale che dovrebbe consegnare maggiore stabilità ad un Paese ancora in transizione.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + sei =